13 Mag 2022 - Aggiornato il: 31 Maggio 2022

Come ottenere il 50% sugli infissi nel 2022. Modalità bonus

Anche per tutto il 2022 sarà possibile usufruire del bonus infissi, l’agevolazione che permette di beneficiare di una detrazione fiscale sulle spese sostenute per la sostituzione delle vecchie finestre.

Scopriamo quindi come ottenere il 50% sugli infissi. In questo articolo andremo ad approfondire in particolare:

  • Come ottenere il bonus infissi 2022
  • In quale bonus rientrano gli infissi: Bonus Casa o Ecobonus?
  • Chi può usufruire delle detrazioni fiscali per la sostituzione infissi?
  • Come usufruire del 50 % infissi. Tutti i requisiti necessari
  • Come si ottiene il bonus infissi 2022. La procedura da seguire

 

Sommario:

Come ottenere il 50% sugli infissi nel 2022. Modalità bonus

 

Come ottenere il 50% sugli infissi

Cambiare gli infissi di casa conviene anche nel 2022. Per quest’anno, non variano le modalità già note nel 2021 per ottenere una detrazione in caso di sostituzione delle vecchie finestre. Grazie allo sconto previsto è possibile quindi rinnovare casa e nello stesso tempo avere un’interessante agevolazione.

Vediamo dunque come ottenere il 50% sugli infissi e beneficiare della detrazione fiscale prevista dallo Stato.

Innanzitutto è bene spiegare in cosa consiste. La detrazione è una spesa che il contribuente può sottrarre dall’imposta Irpef che deve pagare. In questo modo può usufruire di uno sconto e vedere così diminuito l’importo totale dell’Irpef su cui pagare le tasse.

Il 50% che viene scontato dalla spesa sostenuta per il rinnovo degli infissi, non viene recuperato tutto subito, ma nei 10 anni successivi. Viene infatti restituito al contribuente suddiviso in importi della medesima cifra.

Cerchiamo ora di capire come si ottiene il 50% sugli infissi, nel caso di Bonus Casa o Ecobonus.

Come ottenere il bonus infissi 2022

Come ottenere il 50% sugli infissi

Per ottenere la detrazione del 50% sulla sostituzione dei vecchi infissi, si può fare riferimento a due tipologie di bonus, in base ai lavori che si sono svolti.

Entrambi prevedono il recupero del 50% della spesa sostenuta nel corso dei 10 anni successi: Bonus Casa ed Ecobonus.

Scopriamo le differenze, chi ne può usufruire e come.

Bonus casa

Si può optare per questa detrazione, nella denuncia dei redditi, quando in casa sono stati fatti degli interventi di restauro o di manutenzione straordinaria.

Il rimborso in 10 anni del 50% è possibile per un importo massimo di 48000 euro (il tetto di spesa ammessa al beneficio delle detrazioni per la ristrutturazione è di 96000 euro). Il termine dell’incentivo è stato fissato per il 31 dicembre 2024.

Ecobonus

Quando invece si tratta di sostituzione infissi con il fine di ottenere un miglioramento energetico dell’edificio è possibile richiedere le agevolazioni previste dall’Ecobonus.

In questo caso l’agevolazione del 50% è sempre rimborsata nell’arco dei 10 anni successivi come per il Bonus Casa. Cambia però il limite massimo di detrazione ammissibile che è pari a 60000 euro (su una spesa massima detraibile di 120000 euro).

Per poter usufruire della detrazione, i nuovi infissi devono avere la particolarità di delimitare volumi riscaldati o verso l’esterno o verso vani non riscaldati con un valore di conduzione termica che non deve essere maggiore di quello che è stato fissato come tetto massimo.

Questo è calcolato in base i metri quadrati, alla tipologia installata e alla zona climatica in cui si trova l’abitazione. Come per il bonus ristrutturazione, anche per l’ecobonus la scadenza è fissata al 31 dicembre 2024.

Chi può usufruire delle detrazioni fiscali per la sostituzione infissi?

Come ottenere il 50% sugli infissi

 

Tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), che siano o no residenti in Italia, possono usufruire della detrazione.

Questa agevolazione, sia che si tratti di prima o seconda casa, spetta:

  • ai proprietari di immobili;
  • ai titolari dei diritti reali/personali di godimenti sugli immobili sui quali si operano interventi e che sostengono le spese di questi.

Tra i soggetti compresi ci sono ad esempio i nudi proprietari, i locatari (affittuari) o comodatari così come i soci di cooperative divise e indivise.

Ha diritto alla detrazione anche:

  • il familiare convivente
  • il promissario acquirente (a seguito di compromesso)
  • il coniuge separato assegnatario dell’immobile
  • il componente dell’unione civile e il convivente more uxorio

Come usufruire del 50 % infissi: i requisiti

Per poter usufruire della detrazione fiscale occorre tener presente alcune cose importanti:

  • gli interventi possono riguardare solo edifici già esistenti, quindi appartenenti a una categoria catastale. Non è valida quindi per edifici di nuova costruzione perché la detrazione del 50% è prevista solo se i serramenti installati vanno a sostituire quelli vecchi;
  • La dimensione degli infissi nuovi deve essere la medesima dei precedenti. Questo è necessario perché sia davvero effettivo il miglioramento in termini d’isolamento termico;
  • La sostituzione deve migliorare l’isolamento termico e l’efficienza termica dell’immobile in modo effettivo;
  • L’edificio in cui avviene la sostituzione degli infissi deve essere a “prevalente destinazione abitativa privata”.

Come si ottiene il bonus infissi 2022

Nella pratica capiamo come è possibile, una volta terminati i lavori di sostituzione dei vecchi infissi, richiedere e ottenere la detrazione del 50%.

Scopriamo, per ordine, quale procedura seguire.

Il pagamento

Una volta terminati i lavori è necessario eseguire il pagamento tramite bonifico bancario o postale.

In questo serve specificare:

  • la causale del versamento. Qui è necessario indicare: “Bonifico per detrazioni previste dall’art. 16-bis del Dpr 917/1986”.

Si consiglia anche di inserire i riferimenti della fattura in modo da risalire al documento preciso (numero e data).

Quindi la dicitura esatta è: “Lavori edilizi (articolo 16-bis del Dpr 917/1986) – Pagamento fattura n.__ del___ a favore di ___ partita Iva ___, C.f. beneficiario detrazione_________”;

  • il codice fiscale di chi beneficerà della detrazione;
  • il codice fiscale o il numero di partita IVA della ditta che ha eseguito la vendita degli infissi.

Invio pratiche all’ENEA

A 90 giorni dalla fattura di saldo è necessario compilare ed inviare online la pratica all’ENEA, cioè l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

Come fare?

Basta collegarsi al sito ENEA dedicato ai Bonus previsti per il 2022 e seguire le modalità di registrazione. Verranno richiesti non solo i vostri dati anagrafici personali ma anche quelli dell’edificio. Sarà necessario quindi inserire i valori richiesti che la ditta venditrice ha fornito nel momento in cui avete effettuato il contratto:

  • il prezzo, IVA inclusa, degli infissi;
  • i valori di trasmittanza termica sia dei vecchi che dei nuovi infissi.

 

COS.FER.: come ottenere la detrazione 50% sugli infissi

COS.FER. è un’azienda che vende infissi e serramenti a Milano e provincia. Nel suo Showroom di Vimodrone (MI) propone ai propri clienti le migliori soluzioni per serramenti, porte, grate di sicurezza, persiane e zanzariere.

COS.FER. è conosciuta per l’esperienza pluriennale, ma anche per l’ottima qualità dei suoi prodotti, il rispetto per l’ambiente e la competitività nei prezzi.

Per ogni lavoro viene eseguito il sopralluogo e l’installazione dei serramenti, fornendo un servizio personalizzato per ogni esigenza.

Il personale specializzato è in grado di fornire tutti i consigli e le informazioni necessarie quando si tratta di richiedere la detrazione del 50% per la sostituzione dei vecchi infissi.

Per saperne di più puoi venire a trovarci allo Showroom o contattarci.

 

 

 

 

 



    COMPILA IL SEGUENTE FORM
    PER RICHIEDERE UN PREVENTIVO GRATUITO

    Ho letto la Privacy Policy e acconsento al trattamento dei dati personali.